• Studio dentisticoTositti

I nostri servizi

Conservativa
endodonzia

CONSERVATIVA

È la branca che comprende tutte le terapie per curare i denti affetti da carie.

Una volta eliminato il tessuto cariato e disinfettata la cavità cariosa, si ricostruisce la sostanza perduta con materiali compositi ed intarsi che assicurano un’ottima estetica.

Nel nostro studio non vengono usati materiali contenenti mercurio (otturazioni in amalgama), ma materiali biocompatibili e privi di tossicità. L’igiene accurata e costante e le visite periodiche di controllo assicurano una lunga durata di tali terapie.

CHIRURGIA

Le terapie chirurgiche comprendono:

  • Estrazioni di radici compromesse;
  • Estrazione di denti inclusi e semi-inclusi;
  • Apicectomie rimozione di apici infetti di denti non guariti in seguito a vecchi trattamenti endodontici;
  • Innesti ossei che permettono di ripristinare una buona anatomia per consentire adeguate riabilitazioni proteiche e implantologiche;
  • Rialzi del seno mascellare a scopo di riabilitazione con impianti dentali.
Apri la vetrina

IMPLANTOLOGIA

Protocolli rigorosi e tecniche all’avanguardia fanno di questa branca una pratica routinaria nello studio.

È la branca che si occupa di inserire piccole viti in materiale biocompatibile (titanio) all’interno dell’osso in aree rimaste prive di denti per ripristinare perfettamente la funzione e l’estetica svolta prima dai denti naturali.

Su tali viti si possono eseguire corone singole o ponti estesi.

Si possono anche ancorare e stabilizzare protesi rimovibili.

 

 

 

 

 

Fasi di un trattamento implantologico:

  • Studio preliminare: dopo analisi radiografica (rx endorali, OPT e TAC), clinica e anamnestica del paziente viene eseguito il piano di studio personalizzato.
  • Fase chirurgica: sotto copertura antibiotica e antidolorifica vengono inseriti gli impianti nell’osso e ricoperti perfettamente dalla gengiva. In un periodo che va da 4 a 6 mesi si ottiene la osteo-integrazione, cioè la crescita di osso attorno alle spire dell’impianto
  • Fase finale: si procede a scoprire gli impianti e ad inserire i monconi chiamati abutment su cui verrà cementata la corona con il ripristino della funzionalità e l’estetica svolta dai denti naturali.

Carico immediato: quando ci sono le condizioni cliniche per eseguirlo, si possono inserire gli impianti la mattina per caricarli con perni e corone la sera stessa.

Controindicazioni:

  • Diabete
  • Osteoporosi avanzata
  • Fumo eccessivo
Apri la vetrina

PROTESI

La protesi si divide in protesi fissa e protesi mobile:

La protesi fissa è costituita da manufatti che sostituiscono i denti mancanti (ponti) o gravemente compromessi (corone singole) con la restituzione della funzionalità ed estetica, grazie a materiali nobili (metallo-ceramica) o anche metal free (zirconio).

 

Le protesi mobili si dividono in:

  • Protesi totali ad appoggio mucoso. Oggi, grazie all’implantologia, possono essere stabilizzate grazie all’inserimento di due o più impianti.
  • Protesi scheletrate sono sempre protesi rimovibili con aggancio sui denti rimasti in arcata.
Apri la vetrina

PARODONTOLOGIA

Si occupa della cura del parodonto, cioè i tessuti di sostegno del dente (osso, gengiva e legamenti paradontali).

La salute di tali tessuti è fondamentale per la salute dei denti e per l’estetica: una cattiva igiene e fumo eccessivo, associati a particolari malattie (come il diabete) e ad una predisposizione genetica, possono danneggiare tali tessuti, determinando la perdita dei denti.

Potete consultarci al comparire di:

  • Gengive che sanguinano facilmente, sensibili;
  • Comparsa di mobilità dei denti e di spazi tra un dente e l’altro;
  • Alito cattivo

Uno studio clinico dettagliato della vostra situazione paradontale con sondaggio (per valutare in mm la perdita di gengiva e osso) e radiografie permetterà di fare una diagnosi occurata e programmare un piano terapeutico personalizzato.

 

Nei casi di malattia paradontale di lieve entità si attuano sedute professionali di igiene per rimuovere il tartaro (placca dentaria non rimossa che nel tempo si calcifica). Norme di igiene e forte motivazione del paziente a eseguire controlli periodici servono a mantenere lo stato di salute orale raggiunto.

 

Nei casi in cui le infezioni persistano la terapia si attua mediante:

  • chirurgia paradontale per eliminare i difetti ossei profondi (le tasche);
  • rigenerativa dell’osso scomparso per le infezioni ricorrenti;
  • scaling e courettage(levigatura delle radici per rimuovere il tartaro sotto radice e tessuti dentali infetti);
  • copertura delle recessioni (gengive che si ritirano) con innesti gengivali;
  • splintaggi per sostenere i denti mobili.
Apri la vetrina

GNATOLOGIA E DISORDINI CRANIO MANDIBOLARI

È quella branca che si occupa dei problemi delle articolazioni temporo-mandibolari (ATM) e dei muscoli oro-facciali.

I “disordini cranio-mandibolari” comprendono una serie numerosa di segni e sintomi:

  • rumore articolare in apertura e chiusura della bocca;
  • apertura della bocca limitata o deviata;
  • la masticazione dolorosa e/o inefficace;
  • cefalea e cervicalgia;
  • fatica muscolare (causata da parafunzioni quali bruxismo e serramento dentale);
  • acufeni, riduzione dell’udito e sensazione di orecchio chiuso;

Dopo una visita accurata della funzione masticatoria e della muscolatura oro facciale si esegue una diagnosi del disturbo che può essere di origine articolare (es. artrosi), muscolare (es bruxismo) o mista.

A volte si richiede la risonanza magnetica dell ATM se si sospettano fenomeni degenerativi e dislocazione dei dischi.

Il bite, placca in resina rigida a copertura totale dei denti a copertura di un’arcata, è un dispositivo utilizzato solitamente di notte dal paziente. Il paziente che utilizza il bite va visto periodicamente fino alla remissione del problema.

Apri la vetrina

PEDODONZIA

La particolare sensibilità ed accoglienza che riserviamo ai vostri bimbi parte dalla prima visita: un incontro amichevole in un’atmosfera giocosa e gioiosa che consente di mettere a punto un programma specifico per le loro cure:

  • Denti forti e sani con sigillature e sedute di fluoro;
  • Cura delle carie dei dentini da latte che sono i migliori mantenitori di spazio per una corretta eruzione dei denti definitivi;
  • Ortodonzia intercettiva: è la precoce diagnosi di malocclusione per una masticazione corretta e funzionale. Il classico palato stretto, ad esempio, se non curato precocemente, può causare problemi di masticazione, di respirazione, di fonazione e si struttura in una malocclusione che nel ragazzo richiederà cure molto più lunghe e complesse.
Apri la vetrina

ORTODONZIA

Si occupa della diagnosi, prevenzione e terapia delle malocclusioni dentali. Denti ben allineati oltre a garantire un’estetica perfetta del vostro sorriso sono il presupposto di una buona funzione masticatoria. La moderna ortodonzia deve inoltre raggiungere questi obiettivi: estetica del viso, risultato stabile nel tempo, una buona salute del tessuto paradontale (osso e gengiva di sostegno dei denti) e delle articolazioni temporo-mandibolari.

La malocclusione può essere dovuta ad errata posizione dei denti, ad un scorretto sviluppo della base ossea, ad un’ alterata funzione della muscolatura orale. Ogni caso richiede un’anamnesi  accurata, l’analisi di due radiografie (panoramica e teleradiografia), le foto del viso e della dentatura, i modelli in gesso che riproducono la dentatura del paziente. Tutto ciò permette di eseguire la diagnosi del tipo di malocclusione, di stabilire il tipo di terapia e del momento in cui è bene iniziarla.

Se la malocclusione è intercettata nel bambino  si esegue un’” ortodonzia intercettiva” che permette di intercettare alterazioni di sviluppo della base ossea scheletrica e dentale con alterazioni funzionali della masticazione. A tale fase può essere necessaria una fase di terapia in dentatura permanente. Nei pazienti adulti si avvale anche dell ’”ortodonzia invisibile” per venire incontro ai pazienti con forti esigenze estetiche.

Apri la vetrina

IGIENE PROFESSIONALE

Un sorriso piacevole e sano rappresenta una carta di presentazione senz’altro importante nella nostra vita sociale. La rimozione costante della placca (igiene quotidiana) e del tartaro (igiene professionale dal dentista) rappresentano la prevenzione della carie e delle malattie delle gengive e dell’osso. Norme di igiene:

  • Ablazione del tartaro con ultrasuoni o courette nel caso di tartaro sotto gengiva seguito dall’uso di paste abrasive per lucidare perfettamente le superfici dentali.
  • Uso di bicarbonato spruzzato a pressione sui denti con acqua e aria per macchie esogene (es. fumo, caffè)
Apri la vetrina

PREVENZIONE

La prevenzione è lo strumento terapeutico per assicurare il mantenimento dello stato di salute orale raggiunto. Si educa il paziente ad una corretta igiene:

  • utilizzo della corretta tecnica di spazzolamento, uso del filo interdentale, uso di scovolini in caso di ponti e apparecchi ortodontici;
  • la sigillatura e sedute di fluoro nei bambini rendono i loro denti meno suscettibili alla carie
  • l’igiene periodica salvaguarda la salute del tuo sorriso.

Preveniamo per assicurarci la salute dei nostri pazienti con terapie personalizzate a seconda delle predisposizioni a formare tartaro (forti fumatori) con richiami periodici di controllo della salute dentale.

Apri la vetrina

ODONTOIATRIA ESTETICA

Ogni trattamento soddisfa le vostre esigenze particolari di estetica e funzionalità

  • faccetta in ceramica: sono piccoli gusci in ceramica con minima asportazione di tessuto dentale nella faccia esterna del dente che possono risolvere discromie (alterazioni di colore), piccole malposizioni dentarie, anomalia di forma di denti laterali superiori;
  • trattamento sbiancante per discromie diffuse;
  • trattamenti ortodontici negli adulti con “dispositivi invisibili”;
  • trattamenti per coprire denti “lunghi” con gengiva che si ritira (innesti gengivali).
Apri la vetrina

BIORISTRUTTURAZIONE DEI TESSUTI PERIORALI CON ACIDO JALURONICO

Oggi, oltre a garantire un’ottima estetica della dentatura, possiamo migliorare e ringiovanire i tessuti periorali.

L’invecchiamento cutaneo, il fotoaging, esposizione ai raggi solari ,fumo, disidratazione sono la causa della comparsa di rughe, depressioni e la perdita di elasticità di tali tessuti. Nel nostro studio utilizziamo filler a base di acido jaluronico, molecole riassorbibili dall’organismo. Con l’uso di filler a base di acido jaluronico si può restituire turgore, elasticità ai nostri tessuti grazie al fatto che tale molecola è in grado, una volta iniettata nel derma, di legare a se molecole d’acqua e stimolare il metabolismo cellulare.

Apri la vetrina

LASER E TERAPIE LASER ASSISTITE

Grazie al potere analgesico, emostatico, decontaminante e bio-stimolante il laser trova impiego in diversi campi dell’odontoiatria.

 

Rispetto alle tecniche chirurgiche tradizionali il laser risulta meno invasivo, riduce gli effetti indesiderati (gonfiore o edema), crea un sanguinamento minimo od assente, richiede meno anestesia e garantisce una guarigione accelerata.

 

 

 

 

  • Parodontologia:
    • Trattamento della tasca paradontale
      La tasca parodontale è l’esito della malattia paradontale non trattata che crea nel tempo un’ approfondimento del solco gengivale e progressiva distruzione dell’apparato di sostegno del dente (osso, epitelio giunzionale e tessuto gengivale). Il tessuto è sanguinante ed edematoso, il dente può essere mobile e può esserci alitosi. Il trattamento è ben tollerato dal paziente.

Con 3/5 sedute, in assenza di anestesia, una volta rimosso il tartaro, si frutta l’effetto decontaminante e bio-stimolante del laser.

 

  • Courettage:
    • Eliminazione del tessuto necrotico del versante gengivale della tasca

 

  • Chirurgia:
    • Il laser, rispetto alla tradizionale lama del bisturi, offre i seguenti vantaggi:
      • Il bisturi incide in maniera precisa, ma non possiede le proprietà battericida e coagulante del laser.
      • Il risultato di un intervento del laser è prevedibile, infatti in guarigione non si verifica la retrazione tissutale.
      • L’azione antisettica e bio-stimolante del laser riduce l’uso dei farmici post-operatori e riduce notevolmente i tempi di guarigione.

Quindi si ha minor necessità di anestetici, minor traumaticità per i tessuti trattati, minor dolore e minor edema post-operatorio.

  • Trattamenti possibili:
    • Gengivectomia
    • Gengivoplastiche
    • Frenulectomia (trattamento di prima scelta soprattutto perché viene eseguito su pazienti giovani: il campo operatorio è libero da sangue e richiede poca anestesia)
    • Asportazioni di neoformazioni come fibromi ed epulidi
    • Asportazione di cistiIncisione e drenaggio di ascessi

 

  • Endodonzia
    • Sfrutta l’effetto battericida del laser per sterilizzare la regione apicale e i tubuli dentinali riuscendo a penetrare fino a 500 micron di profondità.
      Ciò permette la guarigione delle lesioni periapicale ( granulomi) in tempi più brevi rispetto ai trattamenti più tradizionali
  • Implantologia
    • Perimplantiti: infiammazione dei tessuti molli e duri intorno agli impianti che, se non trattate, causano riassorbimenti ossei con pericolo di perdita degli impianti stessi. La capacità decontaminante del laser fa regredire il processo infiammatorio e accelera il processo di guarigione
  • Lesioni afose ricorrenti ed erpetiche:
    • Il laser da una immediata remissione della sintomatologia in 1/2 sedute
  • Desensibilizzazione dentinale
    • È stato dimostrato in molti studi clinici che l’uso combinato di gel desensibilizzante e irraggiamento laser procura maggiori benefici e prolunga l’effetto desensibilizzante.
  • Patologia dell’ ATM (articolazioni temporo-mandibolari)
    • Il trattamento con il laser sull’articolazione temporo-mandibolare riduce la sensazione di dolore dando sollievo immediato al paziente. Con il laser si possono trattare le patologie che colpiscono le articolazioni temporo mandibolari (ATM) e le contratture della muscolatura oro-facciale.
Apri la vetrina

ENDODONZIA

È la branca che si occupa dell’endodonto, cioè dei tessuti contenuti dentro i canali (polpa e vasi) delle radici dei denti.

Una carie non trattata contamina il tessuto pulpare causando un dolore molto intenso (pulpite).

 

La cura canalare si occupa di:

  • Rimuovere il tessuto canalare infetto;
  • Otturare i canali radicolari con materiale termoplastico (guttapercha).
TOSITTI DOTT.SSA RAFFAELLA | 2, Via Stadio - 36030 Villaverla (VI) - Italia | P.I. 01992420248 | Tel. +39 0445 350135 | info@studiodentisticotositti.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy